Pagine

Archivio blog

ICONA

ICONA
Every age gets the art it deserves and every age must accept art it gets !

Gino l'architetto









Macinato di impressioni con un tipo competente.
Il suo nome è Gino l’architetto, gran maestro del progetto.


Associato all’accademia dei trasformati, ordinato nei pensieri, un individuo piuttosto informale ed aperto ai cambiamenti … un vero riformista.

Scambia informazioni, integra opinioni, raccoglie suggerimenti dagli urbanisti, prende spunto dai letterati, smista rime di qua e di là.
Alcune comprate a Roma, stazione termini prosastici, quel che rimane, con gran sollecitudine le porta in blocco nella periferia di Udine.

Con lui sono tutti artisti, i muratori energici creatori, gli artigiani non si sentono mai vani, i meccanici estraggono accenti ritmici dai pistoni, i militari fanno le parate con le preposizioni articolate, i dentisti estraggono radici all’ennesima potenza … esclusivamente quadrate, e così via dicendo, perché tutti in quel luogo del costruire percepiscono il valore dell’idea.
Assieme a Gino è possibile scorgere un pescatore con la penna, un commerciante con l’incudine, un fabbro con la falce e lo scrittore con il metro preso in prestito da Gino l’architetto per la misura del verso di questa città… ma solo per andare a capo.
Assicuro personalmente per il professionista; egli non ha utilizzato alcun traslato nel caos organizzato di questa tangenziale, voleva solo mettere il cartello, attenti al madrigale!
Nel pericolo automobilistico ha urtato qualche distico , per sfuggir alla tensione ha intonato una canzone, ma è arrivato un grande mezzo articolato con trasporto di sillabe incorporate … nel rimorchio solo poche memorie letterarie.
Si è formato grande ingorgo, causa prima? … quel segnale originale!
Non vi dico quali apostrofi son seguiti, un grande inno d’imprecazioni si è alzato con potenza sovraumana, una corale e qualche assolo: basta strofe sparpagliate e sillogismi in doppia fila.
Ma all’improvviso con decisa svirgolata Gino libera la cintura … quella urbana … con Sua delega epistolare e senza spunti di domanda apre una parentesi di flusso circolare con lo spazio per sloggiare.
Circolare, circolare, direzione Selinunte, sempre dritti, mai paura, state attenti alle cesure e andate tutti a verseggiare…
Tra sonetti concordanti si dileguano i motori …finalmente il gran maestro del progetto può andare a riposare, molto stanco ma felice, concludendo in allegria questa lunga allegoria, senza ulteriore elocuzione, o peggio ancora, esclamazione!


Tratto da mio raccontino del 2010 : " Il piano regolatore del bisogno " 

Nessun commento :

Nessun commento :

Ti potrebbe anche non interessare:

Ultimi articoli