Pagine

Archivio blog

ICONA

ICONA
Every age gets the art it deserves and every age must accept art it gets !

Vittorio Alfieri


























Vittorio Alfieri, gran figo di spessore.
Mica il tipo da farsi abbindolare da cortigiane e damigelle infatuate in cerca d'avventura.
Verace, indomito a contrasto di certe convenzioni e leziosi modi raffinati, macchiati a tinte unite ( alla Metastasio ).
Ha conservato tuttavia, incisi i tratti di nobililtà, distintivi dell'esser uomo.
Con i costumi d'epoca trovò molto a che ridire, fino ad esser considerato non conforme agli usi.
Con l'animo fuggiva all'etichetta per l'esigenza d'onestà prioritaria.
Come quando , di ritorno da Parigi (spettatore coinvolto ) seppe dare parole adatte  alla " brutalità " di certi aspetti della rivoluzione francese, usando il contrappeso tra il  vizio del terrore nelle  pieghe dei  costumi nuovi.
Rimase fonte letteraria e strumento allo stesso tempo.
Un tramite indicato  per il corso risorgimentale, nell'idea di movimento perpetuato in atto, con l'impeto ispirato, trasmesso attraverso suoi versi eccelsi.
Superò steccati per attitudine, talvolta con ironia, com'è qui sotto rappresentato con alcuni versi  nella satira " L'educazione ".





Il conte padre si rivolge al pedagogo che a lui si è presentato

Non me li fate uscir dei dottorini
di tutto un poco parlino, in tal modo
dal non parer nel mondo babbuini


In questi versi l'allusione è per i figli nati successivamente alla primogenitura, non richiedono perciò di alta preparazione.

In quelli che seguono dispone sull'educazione della figlia :




Mi scordai d'una cosa : la ragazza
farete leggicchiar di quando in quando;
Metastasio *, le  ariette; elle n'è pazza.

La si va da sè stessa esercitando
c'io non ho il tempo e la contessa meno ** :
ma voi gliele verrete interpretando,

finchè un altro par d'anni fatti sièno
ch'io penso allor di porla in monastero,
perch'ivi abbia sua mente ornato pieno


*   L'Alfieri detestava le tragi-scenate dei melodrammi alla Metastasio.
** impegnati come sono tutta la giornata in una infinità di vacue occupazioni prive di senso e dignità





 Dopo aver assunto credenziali il conte chiede il nome all'educatore

Ecco tutto.  Io mi aspetto un magistero
buono da voi. Ma come avete nome ? -
- A servirla, don Raglia da Bastiero * -.

* Il somaro porta il bsato e raglia





Così ha provviso il nobil conte al come
ciascun dei suoi rampolli un giorno onori
d'alloro pari al suo le illustri chiome.





Nessun commento :

Nessun commento :

Ti potrebbe anche non interessare:

Ultimi articoli